450° anniversario della nascita di Guglielmo Caccia - Timothy Verdon premiato con il Premio Guglielmo Caccia

E’ Monsignor Timothy Verdon l’assegnatario dell’edizione 2018 del Premio Guglielmo Caccia!! Vogliamo celebrare il 450° anniversario della nascita di Guglielmo Caccia assegnando il premio a lui dedicato a questo grande storico dell’arte contemporaneo che ha avuto il merito di portare a Washington le opere di Guglielmo e Orsola Maddalena Caccia!!

Mons. Timothy Verdon ha saputo rendere omaggio alle opere del Moncalvo e al prezioso lavoro realizzato in questi anni dalla Parrocchia di Moncalvo e dal nostro parroco Don Giorgio Bertola che ha creduto sin dal 2010, nella valorizzazione delle opere di Guglielmo e Orsola Maddalena Caccia.

Per l’associazione Guglielmo Caccia, della quale Mons. Timothy Verdon è socio onorario sin dalle origini, è un onore poter assegnare a lui questo importante riconoscimento che verrà consegnato a Moncalvo sabato 6 ottobre 2018.

Ecco a voi una breve bibliografia di Mons. Timothy Verdon:

“Statunitense di nascita (New Jersey, 1946), è uno storico dell’arte formatosi alla Yale University (Ph.D. 1975). Vive in Italia da più di 50 anni e dal 1994 è sacerdote a Firenze, dove dirige sia l’Ufficio Diocesano dell’Arte Sacra e dei Beni Culturali Ecclesiastici, sia il Museo dell’Opera del Duomo. Verdon è anche direttore del Centro per l’Ecumenismo dell’Arcidiocesi Fiorentina e direttore scientifico del Centro Ecumenico di Arte e Spiritualità ‘Mount Tabor’ a Barga (LU).

Autore di libri e articoli in italiano e inglese sul tema dell‘arte sacra, è stato Consultore della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa e Fellow della Harvard University Center for Italian Renaissance Studies (Villa I Tatti); tuttora insegna presso la Stanford University (sezione fiorentina). Scrive per la pagina culturale dell‘Osservatore Romano e tra il 2010-2015 ha ideato ed organizzato mostre d’arte a Torino, Firenze, Seul, Washington, D. C., e New York.

Risiede in Italia, a Firenze dove è Canonico della Cattedrale.”

 Mons. Timothy Verdon