"Festival Guglielmo Caccia" e "Viaggi estivi alla scoperta di Guglielmo e Orsola Caccia"

Arriva l’estate ma l’associazione “Guglielmo Caccia ‘detto il Moncalvo’ e Orsola Caccia” ONLUS invece di andare in vacanza propone un ampio ventaglio di iniziative per tutti coloro che verranno a visitare Moncalvo e il Monferrato nei prossimi mesi e per i monferrini e i moncalvesi che resteranno sul territorio. Domenica prossima 17 luglio prende il via la seconda edizione dell’iniziativa “Viaggi estivi alla scoperta di Guglielmo e Orsola Caccia” che prevederà l’apertura tutte le domeniche pomeriggio sino al 28 agosto, con orario dalle 15 alle 18, della chiesa di San Francesco con possibilità di visita guidata ai capolavori di Guglielmo e Orsola Maddalena Caccia a cura dei volontari dell’associazione. “Dato il successo dello scorso anno – commenta il presidente Andrea Monti – con oltre centro presenze fatte registrare nei tre pomeriggi di apertura, abbiamo deciso di riproporre l’iniziativa ampliandola a sette domeniche consecutive”.

L’altro grande appuntamento è in programma per il mese di agosto quando in collaborazione con il Comune di Moncalvo prenderà il via la 15° Edizione del “Festival Guglielmo Caccia” che abbina l’arte e la musica con concerti nei più suggestivi luoghi di Moncalvo. Grazie al contributo economico messo a disposizione dall’associazione, che si somma a quello annualmente stanziato dal Comune, quest’anno la rassegna prevederà ben cinque concerti dislocati tra Piazza Garibaldi, Piazza Antico Castello, Chiesa di Sant’Antonio, Chiesa della Madonna delle Grazie e Chiesa Parrocchiale di San Francesco. Sabato 6 agosto alle ore 21.30 in piazza Garibaldi si esibirà il gruppo “Bandarotta Fraudolenta” che spazierà dalle canzoni popolari, alla musica folk e klezmer, mercoledì 10 agosto alle ore 21.30 in Piazza Antico Castello sarà la volta di “Alberto Mandarini & ISO Big Band” diretta dal maestro Franco Bogliano con a seguire un brindisi a cura della “Bottega del vino di Moncalvo”, sabato 13 agosto alle 21 nella Chiesa di San Francesco sarà la volta del concerto d’organo del noto organista portoghese Antonio Esteireiro che proporrà tra le altre musiche di Mendelssohn e Bach. Il Festival proseguirà sabato 20 agosto alle ore 21 presso la chiesa della Madonna delle Grazie dove si esibirà il gruppo “La Ghironda” che presenterà lo spettacolo “Le Cantigas de Santa Maria – La figura della Vergine Maria nei racconti popolari, leggende e storie di pellegrini”. L’ultimo spettacolo è invece in programma sabato 27 agosto quando alle ore 21 presso la chiesa di Sant’Antonio Abate si esibirà il “Trio Grenser” che proporrà tra le altre musiche di Stadler e Mozart. Per info sui concerti del Festival Cacciano è possibile rivolgersi al Comune di Moncalvo al numero: 0141/917505.

“Quest’anno – conclude Andrea Monti, che ricopre altresì la carica di assessore comunale di Moncalvo – la proposta culturale del festival cacciano è veramente variegata come noi mai sai dal punto di vista della tipologia di generi musicali proposti che spaziano dalla musica classica, al folk, dal concerto d’organo allo spettacolo della Ghironda, sia dal punto di vista delle location previste che consentiranno ai partecipanti di ammirare anche da vicino i capolavori di Guglielmo e Orsola Maddalena Caccia presenti nelle chiese, e in particolare nella chiesa di San Francesco, e gli scorci più suggestivi della città”.

Ricordiamo che anche nel periodo estivo è possibile prenotare visite guidate alla città e ai capolavori cacciani contattando l’associazione “Guglielmo caccia ‘detto il Moncalvo’ e Orsola Caccia” ONLUS all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o al 320/0989626 (Andrea Monti). Agli stessi recapiti è possibile richiedere il volume “Le chiese di Moncalvo e i capolavori di Guglielmo e Orsola Maddalena Caccia. Alla scoperta di un tesoro di fede, di storia e di arte” che illustra in 120 pag. interamente a colori i capolavori di Guglielmo e Orsola Caccia che rendono al città di Moncalvo un vero e proprio museo itinerante.